Ultra

Forse cedendo un accento si può guadagnare rispetto.

Stasera, ore 21.10, ho chiuso fuori il mondo con il suo casino ed ho atteso che Celentano apparisse in TV per sentire cosa aveva da dire. Tra musica e ironia, componenti doverose, è stata detta un sacco di verità. Siamo ogni giorno più consapevoli che le cose non vanno benissimo, il bello è che se la consapevolezza viene barattata con il movimento, ognuno penserà di non dover far nulla solo per il fatto che pensa, e pensi che basti questo ad aggiustare un pezzettino di mondo. Bisogna agire cominciando dalle piccole cose, in modo sano. L’invito di Celentano ai giovani ultrà, esortati ad abbandonare la violenza in nome di principi ed ideali tanto più forti da riuscire a piegare il potere, non è casuale.

Dopo la morte del tifoso laziale, ucciso da un proiettile che passava da quelle parti, mi ha stupito l’intensità della coalizione che ultrà di tutto il paese sono riusciti a creare per alzare un unico striscione fantasma, un brivido per tutta l’ossuta colonna dello stivale: un solo grido di rabbia.

Lo striscione fantastico può tramutarsi in velo pietoso riflettendo su un punto: se le stesse persone che fino ad un attimo prima dell’uccisione di quel ragazzo erano pronte a picchiarsi per il colore di una maglietta, sono le stesse persone che sono riuscite senza sforzo a strizzarsi l’occhio per marciare insieme contro un sistema ingiusto, non è il tifo che genera violenza, è la violenza che genera masse assetate di sangue. Masse malamente addomesticate da famiglie precarie, dove la griffe assume gli stessi diritti del cognome, sostituendone la dignità.

Annunci

7 risposte a “Ultra

  1. LibertàpergliUltrà

    “Ultrà” è innanzitutto un modo di pensare, una “filosifia di vita”, una parola che nasconde insospettabilmente degli ideali (chi lo avrebbe mai detto?! Ma possibile?!). Purtroppo di questi tempi chiunque si sente in diritto di giudicare il “fenomeno ultrà” senza avere la minima percezione di cosa sottintenda quella parola. E’ facile e assai riduttivo giudicare un movimento o un ideale sbandierando ai quattro venti le manifestazioni estreme della sua parte degenere, formata da coloro che si professano ultrà e al tempo stesso ne tradiscono i principi piu’ profondi.
    Qui nessuno si prende la briga di andare a capire su quali fondamenta poggi il pensiero ultrà. L’atteggiamento comune è invece quello di generalizzare e di riempirsi la bocca di scontati luoghi comuni sulla violenza e la mancanza di valori tra i giovani. E’ come se volessimo giudicare gli ideali che hanno portato alla Rivoluzione Francese soffermandoci unicamente sulla violenza che essa ha generato, o come se riducessimo l’analisi del fenomeno no-global ai soli Black Bloc.
    Vedo tanta demagogia in giro, tanti atteggiamenti di sufficienza dettati da un’ignoranza di fondo che alimenta altra ignoranza.
    Gli ultrà veri non parlano mai di cosa vuol dire “essere ultrà”. Lo si può capire solo stando in mezzo a loro, riscontrando nella pratica cosa significano, in un gergo tipico del loro mondo, parole come “mentalità” e “coerenza”.
    Gli ultrà oggi sono paradossalmente l’unica parte sana nella totale e progressiva degenerazione di quel complesso sistema economico-sociale che è chiamato “calcio moderno”.

  2. qua la gente non capisce una cosa: l’unica parte che è rimasta sana del gioco del calcio siamo noi ultrà.
    è forse sano pagare 20 milioni di euro all’anno per far tirare ad un tizio dei calci al pallone, quando io che sono operaio guadagno 800€?
    dovrei sentirmi in colpa perché la domenica me ne vado allo stadio a vedere la roma…?

    ma fatemi il piacere…

  3. Hai ragione Vecchio CUCS, infatti l’articolo non vuole offendere, nè giudicare la categoria dei tifosi.
    C’è una brace ardente sotto il cemento delle curve, che putroppo esula dal gioco del calcio.
    😉

  4. libertàpergliultrà

    per vecchio CUCS:
    Ho letto il tuo messaggio e mi hai subito messo di buon umore!
    ultrà tu?! Ma fammi il piacere! 🙂 Si vede lontano un miglio che sei solo uno dei tanti tifosi da tastiera che si trovano su internet… (non me ne volere, èh! 🙂 )
    Un vecchio CUCS che viene proprio qui sopra a riempirsi la bocca di luoghi comuni?
    Il calcio moderno, con le televisioni che ci sommergono di inutili e vuoti talk show per montare ad arte polemiche e mantenere alta la tensione, ha generato anche questo: gli “pseudo-ultrà da tastiera”.
    Cerca almeno di portare rispetto per il mitico gruppo con cui hai osato firmarti.

    P.S. Per la padrona di casa: ma sei andata a scuola da Veltroni? Hai scritto un articolo che, serenamente, pacatamente, ha perfettamente colto cos’è e cosa non è “ultrà” …MA ANCHE NO! 🙂

    Con affetto

    Saluti ultrà

  5. voglio solo dire che in mese un calciatore guadagna quanto io guadagno in 10 anni di lavoro, lavorando 8 ore al giorno… tra l’altro non lavoro in luoghi comuni, ma in cantieri appositamente recintati… quindi la prossima volta cerca di essere più preciso ed informati meglio…

  6. Ok. Non credo siate andati oltre quello che vi fa più incazzare sull’argomento.
    Per mister ultrà: Guzzanti, mio zio, ringrazia.

  7. libertàpergliultrà

    Per Sonia: che fai, adesso ti metti a spiegare le battute? Non è mica una gara! Le battute è bello condividerle senza svelarle…
    P.S. Da una donna mi aspetterei un po’ più di gusto per il mistero… 😀

    Saluti ultras

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...